TRASFERIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO ED EVENTUALE CHIUSURA DEL CONTO

Che cos’è il servizio?

Il servizio di “trasferimento dei servizi di pagamento connessi ad un conto di pagamento” (di seguito Servizio) è  offerto a tutti i Clienti consumatori  che intendono trasferire un conto da una Banca (Banca Originaria) ad un’altra (Banca Destinataria).

A chi è rivolto?

Il Servizio è offerto a tutti i Clienti consumatori a patto che il conto originario ed il conto di destinazione siano espressi nella stessa valuta, abbiano la stessa intestazione e siano intrattenuti presso Banche situate sul territorio nazionale.

Come funziona?

Il Servizio viene avviato, su richiesta del Cliente, dalla Banca  Destinataria; il Cliente deve sottoscrivere l’autorizzazione che gli verrà proposta da quest’ultima e che verrà trasmessa alla Banca Originaria.

Quali sono le tempistiche?

La procedura si conclude nel termine massimo di 12 giorni lavorativi con efficacia dal 13° giorno lavorativo.

Se il termine sopra indicato non verrà rispettato, la Banca inadempiente sarà tenuta ad accreditare una somma di 40 € a titolo di penale. La penale deve essere versata al Cliente immediatamente senza che lo stesso ne faccia richiesta. Tale somma sarà maggiorata inoltre di un ulteriore importo. Tale importo sarà determinato applicando al saldo disponibile, presente sul conto del Cliente al momento della richiesta di portabilità, il tasso soglia anti-usura massimo del trimestre di riferimento per ciascun giorno di ritardo.

Cosa si può trasferire?

Il trasferimento interessa le informazioni relative ai bonifici e agli addebiti diretti eseguiti su un conto di pagamento. Per quanto riguarda i bonifici si applica il trasferimento solo per i bonifici SEPA destinati o provenienti da conti intrattenuti in uno dei Paesi SEPA; sia che si tratti di nuove disposizioni sia che si tratti di bonifici ricorrenti (SCT in entrata), ordini di addebito diretto (SDD, Sepa Direct Debit Core).

Il consumatore può dare indicazione alla Banca Destinataria di attivare una o più delle funzioni sopra previste dal Servizio, può chiedere il trasferimento di tutti i bonifici/addebiti diretti o solo di parte di essi (cd. trasferimento parziale) e può dare istruzione di procedere o meno alla chiusura del conto originario.

La richiesta di chiusura del conto implica automaticamente il trasferimento dell’eventuale saldo positivo sul nuovo conto.

Il consumatore titolare di un conto di pagamento che intenda aprire un conto di pagamento in un altro Stato comunitario può richiedere assistenza alla Banca presso il quale detiene il conto.

La Banca Originaria, se richiesto dal consumatore, deve fornire le informazioni utili disponibili relative agli ordini di pagamento di bonifico ed addebiti diretti; trasferire l’eventuale saldo positivo dal conto di origine sul conto di pagamento aperto o detenuto dal consumatore presso la Banca Destinataria ed infine chiudere il conto di origine.

Sono tenuti ad offrire il Servizio, tutte le Banche operanti in Italia (incluse filiali italiane di banche estere).

La Banca Originaria informa il Cliente che i servizi di pagamento disponibili sul conto originario potrebbero non essere offerti dalla Banca Destinataria.

Il Servizio si applica ai conti di pagamento come definiti dall’art. 1 del D.Lgs. 11/2010. Il Servizio non si applica alle carte di debito prepagate con IBAN e ai libretti di risparmio.

Costi

Il Servizio è effettuato senza oneri e spese per il consumatore. Nessun costo verrà addebitato né dalla Banca Originaria né da quella Destinataria.

Di seguito si riportano i riferimenti normativi

D.lgs. n.37 del 15 marzo 2017  

Art. 2 Decreto Legge 24.1.2015 n.3

Art. 2 della Legge di Conversione del DL 3/2015 (L. 24/03/2015 n. 33) e il Capo III della Direttiva 2014/92/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, sulla comparabilità delle spese relative al conto di pagamento, sul trasferimento del conto di pagamento e sull’accesso al conto di pagamento con caratteristiche di base

Art. 2 bis della Legge di Conversione del DL 3/2015 (L. 24/03/2015 n. 33)

News Banca d’Italia: “La portabilità per i conti dei consumatori”

Comunicato stampa Banca d’Italia: nuove regole in materia di indennizzo per il caso di ritardi nel trasferimento dei servizi di pagamento a richiesta del consumatore

Per agevolare la comparazione tra i singoli prodotti di conto corrente, è stato predisposto uno schema riportante l’indicatore sintetico di costo (ISC), calcolato in base alla metodologia definita da Banca d’Italia:

Indicatore sintetico di costo (ISC)