Commercianti e artigiani: due eserciti dell’economia italiana

Commercianti e artigiani, due eserciti dell’economia, che, però si assottigliano da anni e sempre di più; in Piemonte come in quasi tutta l’Italia.
Il fenomeno è stato documentato dall’Inps, che, al 31 dicembre scorso, a livello nazionale, ha registrato 2.163.158 commercianti e 1.620.690 artigiani iscritti alle rispettive gestioni speciali.

Nel 2019, i commercianti sono diminuiti ancora dello 0,5% rispetto al 2018, che già aveva evidenziato un calo dello 0,8% sull’anno precedente. E la perdita è stata maggiore per gli artigiani, calati dell’1,8% rispetto al 2018, dopo la contrazione dell’1,6% nel 2017.

 

In Piemonte, alla fine dell’anno scorso, i commercianti sono risultati 168.080 (il 37,8% di sesso femminile) e gli artigiani 150.130 (78,15% maschi). Per numero di commercianti, il Piemonte è al sesto posto nella graduatoria delle regioni, lo superano Lombardia, Campagna, Lazio, Veneto ed Emilia-Romagna; mentre è al quarto per gli artigiani, preceduto, in questo caso, soltanto da Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

 

 

Analizzando la serie storica degli ultimi dieci anni, l’Inps ha rilevato che il numero degli artigiani iscritti decresce di circa un punto percentuale fino al 2012, continua a decrescere di più di due punti percentuali annui dal 2012 al 2017, mentre tra il 2017 e il 2019 la flessione è di circa un punto e mezzo per ogni anno.

Quanto ai commercianti, emerge che fino al 2012 c’è stata una crescita, sia pure di un solo punto percentuale per ciascun anno; poi, dal 2012 al 2014 il numero è rimasto pressochè costante, mentre è diminuito di circa mezzo punto percentuale tra il 2014 e il 2015, di un punto percentuale tra il 2015 e il 2017 e ancora di circa mezzo punto percentuale, per ciascun anno, dal 2017 al 2019.

 

Tra gli artigiani, la classe di età tra i 50 e i 59 anni è quella con maggior frequenza (31,2%), seguita dalla classe 40-49 anni; gli ultrasessantenni sono il 18,4% e solo il 5,4% ha meno di 30 anni di età. La maggior parte dei commercianti (28,%) ha tra i 50 e i 59 anni, subito dopo troviamo la classe tra i 40 e i 49 e quella con più di 60 anni; mentre è di età inferiore ai 30 anni il 7,1% degli appartenenti alla categoria.

 

Le due categorie sono tra quelle più penalizzate dal lockdown conseguente all’epidemia da Covid-19; per cui, diventa logico prevedere che entrambe evidenzieranno, a fine anno, un calo rilevante dei loro componenti.

 

Banca del Piemonte da sempre vicina alle attività del territorio, anche in questa situazione di emergenza, ha messo in atto le misure straordinarie a supporto di imprese, artigiani, autonomi e professionisti contenute nel Decreto Liquidità approvato dal Consiglio dei Ministri.

 

Uniti per far ripartire l’Italia.

 

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale