Il gelato piace sempre di più e mette d’accordo tutte le generazioni.

L’Italia è il secondo maggior produttore di gelato tra gli Stati membri dell’Unione Europea.

Il gelato, un prodotto che conquista sempre di più, ovunque mettendo d’accordo tutte le generazioni. Che sia industriale o artigianale, si consuma oramai in tutte le stagioni. Ovviamente la stagione in cui vi è un maggior consumo è l’estate: la produzione aumenta e lo troviamo in mille gusti, dalle creme alla frutta. Una gamma che si amplia e si rinnova continuamente, soddisfacendo proprio tutti.

 

Il gelato è uno di quegli alimenti che identifica il nostro “Made in Italy”, anche se, negli ultimi due anni, il primato della produzione spetta alla Germania. Gli italiani restano comunque maestri e artisti del gelato.

Per quantità, ma non per qualità, l’Italia è il secondo maggiore produttore di gelato tra gli Stati membri dell’Unione Europea: nel 2019, ne ha prodotti 554 milioni di litri (il 18% del totale Ue), meno unicamente della Germania, arrivata a 635 milioni di litri, pari al 21% della produzione di tutta l’Unione.

 

Del crescente successo del gelato è appena arrivata una conferma anche da Eurostat, l’istituto europeo di statistica, il quale ha reso noto che, l’anno scorso, nella Ue sono stati prodotti oltre tre miliardi di litri di gelato, con un aumento del 6% rispetto al 2018, e gli Stati membri ne hanno esportati, nello stesso periodo, 222mila tonnellate in Paesi extra Ue, per un valore complessivo di 723 milioni di euro. Sempre nel 2019, invece, le importazioni di gelato da Paesi extra Ue sono state pari a 82mila tonnellate, per un valore complessivo di 180 milioni di euro.

 

La Francia, però, è il maggior esportatore di gelato nei Paesi al di fuori dell’Ue. L’anno scorso, ne ha venduti per 55mila tonnellate, pari al 25% delle esportazioni di gelato extra-Ue, precedendo così anche i Paesi Bassi, la Germania l’Italia e la Spagna.

 

La principale destinazione delle esportazioni è il Regno Unito, seguono la Svizzera e la Cina.
Le importazioni di gelato da Paesi extra Ue sono arrivate principalmente dal Regno Unito, dalla Serbia e dalla Svizzera.

 

In Italia, negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom di gelaterie artigianali e di agrigelaterie, che propongono gusti ricercati prodotti con le materie prime a km 0, garantendo così le materie prime fino alla coppetta.

 

Secondo un sondaggio Fipe, 9 italiani su 10 prediligono il gelato artigianale grazie alle sue caratteristiche organolettiche del prodotto, in primis il gusto e la bontà delle materie prime e la sensazione di refrigerio.

 

Il Piemonte può vantare diverse imprese produttrici di gelati di successo non soltanto in regione, ma conosciute e apprezzate anche all’estero.