Home Senza categoria Il Piemonte si aggiudica la medaglia d’oro in fatto di miele

- 9 Marzo 2020

Il Piemonte si aggiudica la medaglia d’oro in fatto di miele

Dopo essersi aggiudicata il secondo grandino del podio per numero di aziende hi-tech guidate da donne, ora il Piemonte conquista il gradino più alto quanto a dolcezza.
La nostra, infatti, è la regione più dolce d’Italia con il maggior numero di imprese produttrici di miele e di quantità prodotte.

 

Sicuramente un primato di cui andare fieri, data la grande importanza della diffusione delle api per l’agricoltura e per l’ambiente delle quali sono sensibilissime sentinelle.

 

Le imprese piemontesi rappresentano oltre il 17% del totale nazionale e sono aumentate del 9% rispetto al 2018. Allo scorso 31 dicembre, la sola provincia di Torino contava 273 imprese produttrici di miele e propoli.

 

Grazie alle sue due province “medagliate”, Torino e Cuneo, il Piemonte figura in testa alla graduatoria nazionale anche per numero di addetti alla produzione.

 

I produttori di miele stanno aumentando, un po’ in tutto il Paese dimostrando che questa produzione è un fiore all’occhiello delle nostre campagne, risultato del paziente lavoro di apicoltori in un territorio che vanta varietà e ricchezze uniche al mondo.

 

Negli ultimi cinque anni, il numero delle imprese è cresciuto di quasi il 32% a livello nazionale e del 35,5% in Piemonte (nella provincia di Asti l’incremento è stato addirittura del 64,5%).

 

Nella Penisola italiana esistono oltre 50 varietà di miele, a seconda del tipo di “pascolo” delle api: dal millefiori, il più diffuso, a quelli di acacia, arancia, tiglio, melata, fino alle piante aromatiche come la lavanda, il rosmarino e il timo.

Potrebbero interessarti

Banca del Piemonte
Chiudi menu mobile
Skip to content