Home 2020 11

RIPARTIRE, l’emblematico titolo del XXI Rapporto Giorgio Rota su Torino

RIPARTIRE, l’emblematico titolo del XXI Rapporto Giorgio Rota su Torino

Sabato 27 novembre, per la prima volta in diretta streaming a causa della pandemia che stiamo vivendo, si sono riuniti importanti nomi della politica, dell’economia e non solo per analizzare con estrema lucidità e concretezza la situazione della nostra città a partire dalla  pubblicazione del nuovo Rapporto Rota.

 

Un eccellente Rapporto quello di quest’anno, come è stato definito dagli ospiti presenti, che ha posto al centro della sua analisi il deficit dell’attrattività del nostro territorio.

 

Affrontare il tema, scelto ben prima dell’emergenza sanitaria, dell’attrattività come fattore competitivo dell’area torinese, in un momento in cui prevalgono lockdown, chiusura dei confini, blocco delle attività e rinvio di molti progetti, non è stato semplice. La speranza è che quest’analisi possa essere utile per capire come ripartire quando lo stato di emergenza sarà superato, o come adattarsi a esso se dovesse protrarsi.

 

Ne ha parlato una platea importante, nomi altisonanti della città come l’economista Elsa Fornero, gli Assessori Alberto Tronzano e Marco Pironti, i Presidenti della Compagnia di San Paolo e della Camera di Commercio Francesco Profumo e Dario Gallina, Beppe Facchetti, Presidente del Centro Einaudi, Luca Davico, Coordinatore del Rapporto che, insieme al nostro Amministratore Delegato e Direttore Generale Camillo Venesio, hanno analizzato la situazione e ipotizzato nuovi scenari.

 

“Abbiamo le capacità per reagire, come quando ci inventammo l’expo nazionale dopo che la capitale fu spostata da qui a Firenze, la città deve individuare una squadra che coinvolga componenti economiche e culturali su una visione di ripresa e sviluppo. La leggerezza amministrativa non è d’aiuto, governare bene è difficile ma non può essere un alibi” – Camillo Venesio.

 

Leggi la Rassegna Stampa

Scarica il XXI Rapporto Giorgio Rota su Torino

Banca del Piemonte premiata al Future Bancassurance Awards 2020

Banca del Piemonte premiata al Future Bancassurance Awards 2020

La Banca del Piemonte ha ricevuto il “Future Bancassurance Awards 2020”, premio attribuito alle eccellenze bancarie e assicurative in Italia.

 

Il riconoscimento alla Banca del Piemonte, quest’anno, è stato assegnato “per la completezza del servizio assicurativo”.

Il premio, assegnato da una giuria formata da professionisti con grande esperienza nel settore bancario e assicurativo, è stato ritirato da Camillo Venesio, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Banca del Piemonte.

 

Dopo avere ringraziato ed espresso la sua soddisfazione per il nuovo riconoscimento all’Istituto che guida dal 1983, Camillo Venesio ha sottolineato che la Banca del Piemonte considera un valore strategico la consulenza alla sua clientela: “per noi – ha detto – è una qualità fondamentale la consulenza complessiva ai Clienti e, all’interno di questa, in particolare la consulenza per la protezione assicurativa, che ha e avrà un’importanza sempre maggiore”.

 

“Sulla consulenza – ha aggiunto Camillo Venesioabbiamo investito e stiamo investendo molto, in formazione, organizzazione, innovazione. A fianco delle Filiali, in Piemonte e Lombardia, a disposizione di famiglie e imprese, abbiamo una rete di una settantina di specialisti, che garantiscono una consulenza di alta qualità per gli aspetti economici, finanziari e per la protezione assicurativa. Con risultati decisamente positivi. Grazie anche a partner come Italiana Assicurazioni, compagnia del gruppo Reale Mutua”.

 

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Banca del Piemonte ha spiegato: “Con Italiana Assicurazioni ci troviamo molto bene, perchè sono persone come noi, concrete, pragmatiche, professionali, eticamente corrette: caratteristiche basilari, che i nostri clienti apprezzano e che favoriscono lo sviluppo progressivo della Banca”.

 

Leggi la Rassegna Stampa

Grave impatto del Covid anche sulla cultura che non si arrende e rilancia con proposte online ed attività a distanza.

Grave impatto del Covid anche sulla cultura che non si arrende e rilancia con proposte online ed attività a distanza.

Il ciclone Covid-19 si è abbattuto, naturalmente, anche sul comparto della cultura, provocando grandi impatti traumatici in un contesto già indebolito da una lunga crisi, da debolezze strutturali, vuoti legislativi, cornici normative incomplete e contraddittorie, sostenibilità precaria, spesso mantenuta in equilibri acrobatici da imprenditori mecenati e lavoratori che, con sacrificio, antepongono l’opera all’interesse personale.

 

Teatro, cinema, musica, arte e musei stanno soffrendo come non mai. Il lockdown da pandemia li ha messi in ginocchio.
È stato stimato, autorevolmente, che in Piemonte il settore abbia perso cento milioni di euro nei primi sei mesi di quest’anno. La metà per i mancati incassi da tre comparti del settore culturale regionale: spettacolo dal vivo, musei, esercizi cinematografici.
In particolare, secondo l’Osservatorio culturale del Piemonte, la perdita dello spettacolo dal vivo è calcolabile in 17,5 milioni e in 13,5 per i cinema. Senza contare l’indotto. Sono stati persi 14.000 tra spettacoli ed eventi e 1.400 repliche prodotte da soggetti piemontesi.

 

 

Il Piemonte conta una quarantina di teatri, molti dei quali storici, come il Regio e il Carignano di Torino, l’Alfieri di Asti, il Toselli di Cuneo, il Coccia di Novara, il Municipale di Casale. Conta, inoltre, quasi 250 schermi cinematografici (nel 2019, nelle sale cinematografiche della regione sono state venduti 7,2 milioni di biglietti, per complessivi 46,3 milioni di euro; mentre nel primo semestre 2020 i biglietti venduti sono stati 1.649.121, con l’incasso di 10,6 milioni, inferiore del 54% allo stesso periodo precedente). In Piemonte, i lavoratori dello spettacolo sono quasi 16.000, che, l’anno scorso, complessivamente hanno avuto una retribuzione di poco superiore ai 184 milioni. In particolare, gli attori sono poco più di duemila.

 

Nel 2018, l’intero settore della cultura piemontese ha avuto contributi pubblici e privati per 262 milioni di euro, dei quali 44,1 milioni dallo Stato, 56,5 dalla Regione, 97,5 dai Comuni, 61,4 dalle Fondazioni di origine bancaria.
Ora la spaventosa mancanza di risorse, in seguito alla chiusura totale dei locali prima, al drastico contingentamento poi e alla nuova sospensione, non hanno però portato alla resa.

Quasi tutti gli operatori hanno reagito e stanno reagendo. Per sopravvivere, per mantenere il contatto con il proprio pubblico; ma anche attrezzandosi per risultare più forti e competitivi quando il ciclone sarà passato. La crisi da coronavirus è stata ed è occasione per una revisione profonda dell’attività, in ogni suo aspetto, dai prodotti ai servizi, dalle strutture all’organizzazione del lavoro.

Partendo dall’uso del digitale, fattore strumentale strategico.

 

Una recentissima rilevazione ha consentito di constatare che già sette soggetti su dieci hanno proposto on line contenuti o iniziative.

Un esempio è quello del Teatro Tangram Torino, che, grazie al sostegno della Banca del Piemonte e al supporto del gruppo Rete 7 Piemonte, ha spostato la programmazione di sei spettacoli sul digitale terrestre e sui canali social, portando così il teatro a casa di ciascuno, mettendoli in scena in diretta sul palco della sala cittadina di via Don Orione, storica sede della Compagnia.

 

Banca del Piemonte ha dato lo stimolo e la possibilità di realizzare l’ultima parte di stagione 2020 al Tangram Teatro “accogliendo” un pubblico numeroso, anzi numerosissimo, molto più di prima.

 

Un pubblico a cui saranno portati i sei spettacoli direttamente a casa, grazie all’iniziativa FARE TEATRO, attraverso – come si diceva un tempo – la televisione o come è d’uso dire oggi, il digitale terrestre.  Sei spettacoli che dal Tangram Teatro vanno contemporaneamente in onda in diretta sul canale 110 Piemonte + della televisione di casa. Ma anche sulle pagine Facebook di Banca del Piemonte e Tangram Teatro per una fruizione il più possibile allargata.

Lo sforzo è di realizzare una stagione vera, ripresa da una troupe televisiva con quattro camere e una regia video, per offrire un “prodotto” culturale che possa continuare e anzi rafforzare il dialogo con il pubblico.

 

“La creatività nasce dall’angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie…Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e disagi inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni… È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze” –  Albert Einstein.

Quattro nuovi conti per le imprese

Quattro nuovi conti per le imprese

Abbiamo lanciato quattro nuovi conti: uno per i professionisti, gli artigiani e i piccoli imprenditori seguiti dalle Filiali (Conto BP Impresa), uno personalizzabile per le aziende (Conto BP Impresa su Misura), uno per gli enti senza scopo di lucro (Conto BP Non Profit) e uno per la gestione amministrativa dei condomini (Conto BP Condominio).

 

 

Il Conto BP Impresa è offerto in una gamma di tre versioni diverse, pensate per garantire la soluzione migliore a seconda del volume dell’operatività del titolare.

 

 

La versione Easy, a un canone mensile di 10 euro, tutto incluso, prevede fino a 120 operazioni all’operazioni all’anno, la carta di debito Nexi Debit Business, carta di credito Nexi Business gratuita il primo anno e CO.RE. Banking Light (il CO.RE. Banking consente di operare su tutti i rapporti attivati presso le proprie banche, scegliendo l’opzione Multibanca ). La versione Pro si differenzia dalla Easy solo per il maggior numero di operazioni annuali possibili (200) e, perciò, con il canone mensile di 15 euro.

 

 

Infine la terza versione, la Up, al canone di 20 euro al mese, tutto incluso, prevede operazioni illimitate, Internet Banking, BPnow e tutti i profili CO.RE. Banking, oltre alla carta di debito Nexi Debit Business e la carta di credito Nexi Business gratuita per il primo anno.

 

 

Il Conto BP Impresa su Misura è riservato alle imprese seguite dai Gestori PMI o dai Corporate Bankers. Ha un canone trimestrale e una serie di prodotti da collegare al conto in base alle dimensioni e all’attività della società. L’importo del canone e gli altri costi sono personalizzabili a seconda dell’operatività dell’impresa. La “misura” del conto viene progettata dal cliente insieme con il proprio Gestore o Corporate Banker.

 

 

In considerazione della crescente importanza e diffusione degli enti senza scopo di lucro, che hanno esigenze finanziarie e operative semplici e vogliono contenere i costi, la Banca del Piemonte propone un conto dedicato – Conto BP Non Profit – con un canone trimestrale personalizzato a seconda del numero di operazioni previste. Il canone varia da un minimo di 6 euro a un massimo di 22,50 e include, in ogni caso, CO.RE. Banking Light.

 

 

Il Conto BP Condominio, destinato agli amministratori che gestiscono piccoli e grandi immobili. Intestato al condominio, questo ha un canone trimestrale personalizzabile a seconda del numero di operazioni: il costo va da un minimo di 15 euro a un massimo di 45 a trimestre, in base all’operatività del condominio. Nel canone è incluso il CO.RE. Banking Light; inoltre, sono gratuiti il rilascio dei moduli degli assegni e gli addebiti diretti per le domiciliazioni delle utenze degli immobile. Infine, tutti i conti condominiali possono essere gestiti dall’amministratore attraverso un unico contratto CO.RE. Banking.

Banca del Piemonte
Chiudi menu mobile
Skip to content