Home 2020 04

DOP, IGP e STG le sigle dell’eccellenza

DOP, IGP e STG le sigle dell’eccellenza

L’Italia, con 299 riconoscimenti, detiene il primato europeo.

 

Le sigle DOP, IGP e STG fanno ormai parte della nostra quotidianità, ma cosa indicano realmente?

 

DOP è l’acronimo di Denominazione di Origine Protetta, IGP sta per Indicazione Geografica Protetta e STG significa Specialità Tradizionali Garantite, oltre al loro significato intrinseco, queste denominazioni rappresentano l’eccellenza italiana del settore agroalimentare e, inoltre, un fattore di forte competitività per il nostro paese.

 

Un altro tassello di cui andare fieri e per il quale tutto il mondo guarda verso l’Italia.

 

La valenza di questo settore è sottolineata dal primato del nostro Paese con 299 riconoscimenti conferiti dall’Unione europea.

 

A partire dal 2007, come ha censito l’Istat, il settore agroalimentare dei prodotti di qualità ha registrato una continua crescita, soprattutto delle superfici agricole utilizzate e anche dei processi di trasformazione.

 

Data anche la distribuzione delle produzioni DOP, IGP e STG, il 45% degli operatori svolge la propria attività nelle regioni settentrionali (circa il 30% nel Nord-Ovest).

 

In particolare, il Piemonte risulta la regione con il più alto numero di comuni (288) con la superficie impiegata per i prodotti di qualità, battendo anche Sicilia (236), Toscana (222), Calabria (216) e Puglia (197).

 

Nella nostra regione annoveriamo tra i prodotti: il Castelmagno DOP, il Bra DOP e la Robiola di Roccaverano DOP, il Salame Piemonte IGP, il Riso Baraggia biellese e vercellese DOP, le Nocciole del Piemonte IGP, il Fagiolo Cuneo IGP, la Mela rossa Cuneo IGP e il Marrone della Val di Susa IGP.

 

Il settore dell’agroalimentare è di rilevante importanza sia in termini di produzione che di occupazione per la nostra intera penisola.

Camillo Venesio intervistato da Il Corriere della Sera

Camillo Venesio intervistato da Il Corriere della Sera

Camillo Venesio, intervistato da Il Corriere della Sera ed. Torino, parla della situazione attuale del nostro paese con la lucidità e l’ottimismo che da sempre lo contraddistinguono: “Siamo tutti nella stessa barca: famiglie, imprese e banche. Dobbiamo uscire da questa crisi tutti insieme”.

 

Banca del Piemonte è impegnata al massimo per aiutare e sostenere i suoi Clienti e il territorio come dimostra anche l’importante donazione fatta a favore della Città della Salute di Torino per contribuire alla lotta al Covid-19.

 

Leggi l’intervista completa

 

Leggi il Comunicato Stampa

Banca del Piemonte e la famiglia Venesio, effettuano un’importante donazione alla Città della Scienza e della Salute di Torino

Banca del Piemonte e la famiglia Venesio, effettuano un’importante donazione alla Città della Scienza e della Salute di Torino

Banca del Piemonte e la famiglia Venesio ufficializzano un’importante donazione a favore della Città della Scienza e della Salute di Torino che concorre alla lotta al Covid-19.

 

Anche in questa terribile circostanza, l’intento è quello di stare accanto alle persone e al territorio.

La donazione effettuata contribuirà al monitoraggio sierologico dello sviluppo di IgG anti Sars-cov2 che sarà esteso a tutti gli 11.000 operatori della Città della Scienza e della Salute di Torino nell’ambito di un ampio progetto di ricerca, volto a identificare indirettamente la prevalenza di pregresse infezioni anche asintomatiche e a verificare il mantenimento delle stesse in un arco temporale prolungato.
La donazione permetterà, inoltre, di attuare rilevanti lavori di miglioramento infrastrutturale per contribuire alla lotta al Covid-19.

 

Camillo Venesio, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Banca del Piemonte, ha dichiarato: “Siamo felici di dare il nostro contributo alla lotta a questa terribile pandemia. Banca del Piemonte e la mia famiglia confermano ancora una volta di essere vicini a Torino e al Piemonte, sostenendo in questo caso l’impegno di una delle eccellenze sanitarie della città. Ringrazio la professoressa Paola Cassoni, la professoressa Cavallo, i professori Divella e Gontero e il Direttore Sanitario Scarmozzino per la loro efficienza, concretezza e per il loro straordinario impegno”.

 

Paola Cassoni, Direttore del Dipartimento di Medicina di Laboratorio della Città della Scienza e della Salute di Torino ha affermato: “Insieme alla Direzione di CSS esprimo, a nome di tutto il personale e di tutti i pazienti, la profonda riconoscenza nei confronti di Banca del Piemonte e della famiglia Venesio. Questa generosa donazione ci permette di sviluppare in modo approfondito e strutturato una serie di attività correlate all’infezione da Sars-cov2 ed alle criticità connesse”.

 

Leggi il Comunicato Stampa

 

Leggi la Rassegna Stampa

Traffico e mobilità ai tempi del Coronavirus

Traffico e mobilità ai tempi del Coronavirus

I benefici sull’ambiente di un lockdown che passerà alla storia

 

In questi giorni di incredibile silenzio in città, in cui vige la regola dello stare a casa per preservare la salute di tutti noi, il traffico è praticamente scomparso.
Nessun frastuono di auto, moto e clacson entra dalle nostre finestre: questa situazione ci permette di riscoprire la natura con i suoi rumori e i suoi profumi più autentici.

 

Quello del traffico è un problema che affligge gran parte degli italiani costringendoli a rimanere bloccati tra le auto per quasi 38 ore all’anno. L’equivalente di una settimana di lavoro.

Se oggi diamo uno sguardo su Google Maps, le strade che siamo abituati a vedere in rosso, congestionate dal traffico, sono colorate di verde; un verde che indica un dato positivo dal punto di vista ambientale, ma che simboleggia l’effetto collaterale di questa spaventosa pandemia che sta colpendo il nostro Pianeta.

 

Provocatoriamente potremmo dire che non tutte le pandemie vengono per nuocere, sicuramente riscontriamo effetti positivi sull’ambiente e sul conseguente abbassamento dei livelli di concentrazione di inquinanti atmosferici.
È ovvio che il Coronavirus non può essere un antidoto ai mali dell’ambiente, ma sicuramente ci può dare un grande spunto di riflessione.

 

Cosa succederà sulle nostre strade quando riacquisteremo un po’ di libertà? Quale sarà l’impatto sull’ambiente?

 

È molto probabile che, quelle lunghe code che ora ci sembrano solo un lontano e odiato ricordo, a cui ora però oggi guadiamo con nostalgia, si riformeranno in un batter d’occhio con un conseguente picco all’insù dei livelli dell’inquinamento e del tempo che saremo costretti a passare in auto per spostarci da un posto all’altro.
Il traffico andrà in tilt a causa di un utilizzo maggiore dei veicoli privati poiché quelli pubblici, per ragioni di sicurezza, non torneranno subito a pieno regime e i cittadini si muoveranno con mezzi propri per proteggersi maggiormente.

 

Considerando che in situazione di normalità il 55% delle persone nelle grandi città si sposta con mezzi pubblici e locali, a cui si devono aggiungere i pendolari che raggiungono le metropoli in treno, si fa presto a trarne le dovute conclusioni. Ossia un rilevante aumento delle automobili con tutte le problematiche correlate.

Dobbiamo quindi, per il nostro bene, ripensare il modo di muoverci per mantenere il più a lungo possibile i benefici ambientali che questa terribile pandemia ci ha regalato?

COVID – 19: Finanziamento liquidità fino a 25.000 Euro a piccole e medie imprese e professionisti

COVID – 19: Finanziamento liquidità fino a 25.000 Euro a piccole e medie imprese e professionisti

In questo momento di difficoltà, Banca del Piemonte è sempre accanto ai clienti più colpiti da questa emergenza sanitaria ed economica recependo da subito quanto previsto dal D.L. n 23 del 8 aprile 2020 “Decreto Liquidità” a sostegno di artigiani, commercianti, professionisti, ditte individuali e piccole e medie imprese.

 

Scopri come fare richiesta, senza recarti in filiale, consultando l’area dedicata del nostro sito.

Banca del Piemonte
Chiudi menu mobile
Skip to content